Vivo in Svizzera ormai da vent’anni

Ho riflesso su tutti gli impegni e gli sforzi fatti qui e, nonostante sia grato agli Svizzeri, ricordo anche molte situazioni spiacevoli … Volevo finire i miei studi di economia che avevo iniziato in Libia, però non si poteva qui, per via della politica di migrazione. Quello che potevo fare sempre però, erano i lavori di pulizia. Pulire le strade, lavare i piatti – in questo senso si, sono stato benedetto della società, fino ad oggi.

Ma sono ancora visto come “maomettano”, come criminale, come terrorista. Questo mi rende davvero triste. Sento che la mia psiche sta deperendo. Ho perso la mia patria e l’integrazione e fallita. Non ho più speranze….” Muheieddin, Libia

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

un paese situato nel nord del Sudamerica e con una diversità di paesaggi naturali che vanno dalle montagne andine di quasi 5.000 metri di altezza, giungle amazzoniche, pianure infinite e una costa al

Nel mio paese, prima che l'ISIS arrivasse, si viveva una vita più o meno normale. Poi, quando nel 2014 lo Stato Islamico ha conquistato Mosul, la mia città, tutto è cambiato. Mio zio, che faceva parte