Sono Ioel, vengo dal Venezuela

un paese situato nel nord del Sudamerica e con una diversità di paesaggi naturali che vanno dalle montagne andine di quasi 5.000 metri di altezza, giungle amazzoniche, pianure infinite e una costa al mare caraibico di quasi 4.000 chilometri, un paese che nuota in minerali di tutti i tipi, petrolio (le più grandi riserve del mondo), oro, ferro, bauxite, coltan, ecc.

Anche se sono nato a Caracas, la capitale, la mia famiglia si è trasferita sull'isola di Margarita quando ero molto giovane, poco dopo i due falliti colpi di stato di Chavez, e ho passato la maggior parte della mia vita lì.

Nel 1998, grazie alla democrazia, Hugo Chavez vinse le elezioni, promettendo una rivoluzione che avrebbe fatto del mio paese un paradiso per il popolo, dove la giustizia sociale e l'uguaglianza sarebbero state una realtà e il popolo avrebbe ricevuto ciò che meritava e che i precedenti governi democratici (tutti socialisti) ci avevano rubato e negato.

Così la rivoluzione arrivò con demagogia e sete di vendetta, la prima cosa che fecero fu cambiare la costituzione per coprire il loro piano dittatoriale e iniziarono gli espropri e la distruzione dell'apparato economico, istituzionale e sociale.

In 23 anni di rivoluzione il mio paese è passato da:

Avere poteri pubblici indipendenti per essere tutti controllati dal potere esecutivo

Da avere 500.000 aziende ad appena 4.000

Dalla produzione di 3.700.000 barili di petrolio al giorno a 350.000 barili al giorno

Dall'avere autonomia in certi prodotti alimentari all'essere totalmente dipendente dalle importazioni

Da avere il più alto salario minimo in America latina a 1 dollaro al mese.

L'inflazione è la più alta del mondo e la moneta praticamente non esiste.

Questo è solo un piccolo esempio di quello che sta succedendo. La cosa peggiore è la mancanza di libertà. Hanno creato gruppi armati civili per controllare e creare terrore nella popolazione, sono finanziati dal traffico di droga e per questo hanno dato parte del territorio alla guerriglia colombiana, il controllo sociale è esercitato dalla delinquenza e soffriamo una guerra non dichiarata che lascia circa 35.000 omicidi all'anno.

Nell'anno 2001, Chavez cercò di modificare la legge sull'educazione che prevedeva che lo stato avesse il potere sugli studenti, modificando il curriculum verso un pensiero unico e togliendo il potere e il diritto della famiglia rispetto all'educazione dei propri figli, questo portò le prime proteste della società civile e il fatto che mio padre, fino ad allora solo un uomo d'affari e imprenditore, si unì alle organizzazioni in difesa dei diritti civili, soprattutto si unì a uno che lottava per i diritti elettorali e democratici, fondamentalmente iniziarono cercando di revocare il mandato di Hugo Chavez che non fu raggiunto, ma era in una lista segnata come un nemico della rivoluzione anche così e sempre dalla lotta democratica per più di 18 anni ha aiutato a organizzare e istruire i testimoni dell'opposizione in tutte le elezioni chiamate per cercare di ridurre al minimo l'abuso di potere e il controllo della rivoluzione su di loro.

Questo è stato fatto a livello regionale e sempre da questa organizzazione civile e non da un partito politico.

Nel 2012, si sono tenute le elezioni primarie per scegliere un candidato dell'opposizione per le elezioni presidenziali, mio padre era uno dei direttori dell'organizzazione di queste elezioni, 3 giorni prima, alcuni funzionari sono venuti a casa di mia madre (i miei genitori sono divorziati) e mi hanno preso in custodia, non senza aver prima rubato vestiti e oggetti da casa mia e accusandomi di un crimine che non avevo commesso e in questo modo distraendo e manipolando mio padre, visto che prima la nostra attività era stata saccheggiata diverse volte, sono stato trattenuto e rilasciato il giorno dopo per mancanza di prove e testimonianze di dove ero e con chi al momento del presunto crimine, oltre che con il pagamento di una somma di denaro, mi hanno lasciato sotto un regime di presentazione per più di 3 anni e oggi non c'è nulla nel sistema giudiziario venezuelano (a parte i documenti ufficiali che ho) che indichi che questo mi sia successo.

Le elezioni si svolsero e il regime volle sapere chi aveva partecipato, ordinò alla corte suprema di giustizia di esigere la consegna dei verbali e delle liste dei partecipanti, mio padre e i suoi compagni disobbedirono a quest'ordine e li bruciarono, dovendo andare immediatamente in clandestinità finché, a causa di pressioni interne ed esterne, revocarono le misure di arresto.

Mio padre ha continuato la sua lotta e ha subito persecuzioni e intimidazioni a causa della sua posizione politica. Nel 2017, mentre faceva shopping, è stato avvicinato da alcune persone e sotto minaccia, mentre mostravano le loro armi, gli hanno detto che doveva parlare con loro ed è così che hanno minacciato non solo lui ma anche di arrestare di nuovo me.

Questo ci ha fatto considerare di lasciare il Venezuela e se questa lotta contro la tirannia e dove l'opposizione non mostrava fedeltà ai giusti principi e valori valeva il costo delle nostre vite.

Si decise di partire, ma non prima di aver preso i documenti che avrebbero provato la nostra lotta per un paese dignitoso e democratico. Prendemmo contatti con amici e decidemmo che la svizzera, visto che mio padre aveva studiato qui da giovane e per il suo esempio di rispetto dei diritti umani, poteva darci la possibilità di vivere e la tranquillità di cui avevamo bisogno, è così che il 10 ottobre 2017, correndo il rischio di essere trattenuti all'aeroporto di Maiquetia e senza la sicurezza di essere ricevuti e ammessi in un paese straniero, abbiamo lasciato tutto, abbandonando famiglia, amici, affari, proprietà e la nostra patria. È così che siamo diventati un altro dei quasi 7 milioni di venezuelani che hanno lasciato il paese e vagano per il mondo sognando un destino migliore.

Siamo stati fortunati e siamo stati benedetti.

Grazie alla svizzera! Ioel, Venezuela

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ho riflesso su tutti gli impegni e gli sforzi fatti qui e, nonostante sia grato agli Svizzeri, ricordo anche molte situazioni spiacevoli … Volevo finire i miei studi di economia che avevo iniziato in

Nel mio paese, prima che l'ISIS arrivasse, si viveva una vita più o meno normale. Poi, quando nel 2014 lo Stato Islamico ha conquistato Mosul, la mia città, tutto è cambiato. Mio zio, che faceva parte