Processo di creazione

Preparazione:

Abbiamo invitato dei rifugiati che abbiamo contattato tramite SOS-Ticino, l'organizzazione che accompagna i richiedenti asilo in Ticino. Abbiamo proposto il nostro progetto di sviluppare uno spettacolo insieme a un gruppo di giovani attori e attrici che si concentrerebbe sulle esperienze di fuga e di arrivo in un paese sconosciuto. Ci siamo incontrati molte volte all'inizio per conoscerci, i teatranti e i rifugiati, e abbiamo lavorato con molti esercizi di improvvisazione, senza linguaggio, solo con l'espressione del corpo. Non si trattava solo di conoscere le storie dei migranti, di conoscere le loro riflessioni e i sentimenti che le loro storie di fuga evocavano in loro e in noi, si trattava anche di costruire una fiducia reciproca al di là dello scambio linguistico. In una varietà di esercizi fisici, come lasciarsi guidare con gli occhi chiusi, lasciarsi cadere e farsi prendere, ecc.

DSCF4059.JPG

Sviluppo della performance

Scene di fuga e di arrivo sono emerse da improvvisazioni di movimento. Non c'erano ruoli divisi tra teatranti e rifugiati. Abbiamo improvvisato cosa significa dover scappare, fuggire dagli inseguitori, cosa significa trascinarsi con le ultime forze dopo ore di marcia, come ci si può sostenere a vicenda nonostante la grande stanchezza, come ci si sente a subire controlli umilianti o a eseguirli, cosa significa scontrarsi con limiti insormontabili, com'è essere ammassati senza sapere quando ci si potrà muovere di nuovo, com'è essere sottoposti a un interrogatorio di cui non si conosce lo scopo e l'esito, com'è essere accolti con benevolenza o essere sottoposti a sguardi ostili, com'è vivere l'ospitalità di persone sconosciute e festeggiare insieme.

Queste improvvisazioni hanno dato origine a immagini corporee e di movimento, che abbiamo poi coreografato in una forma in modo che potessero essere tradotte in scene e ripetute in modo efficiente.

Tuttavia, le storie dei rifugiati dovevano essere al centro dello spettacolo. Abbiamo chiesto loro se avevano voglia di raccontare parte della loro esperienza. Tutti volevano farlo. Ci hanno raccontato nella loro lingua madre perché hanno lasciato la loro patria per intraprendere un viaggio pericoloso, quali speranze li hanno spinti a sopportare tutte le difficoltà e le incertezze, cosa hanno vissuto durante il loro viaggio, che in molti casi è durato mesi, quando erano fiduciosi, quando erano disperati, come hanno affrontato dopo essere arrivati in Svizzera. Abbiamo fatto tradurre le loro narrazioni e assegnato uno dei giovani attori e attrici a ciascun narratore, che ha parlato il suo testo in italiano.

Abbiamo discusso se e come rappresentare ciò che i residenti svizzeri pensano della migrazione, quali sono le loro preoccupazioni e paure quando si trovano di fronte a persone venute da altri contesti culturali nelle loro comunità, e come ne discutono: in modo informale, al tavolo dei regolari, con l'aiuto dei portavoce dei politici, nei media. Abbiamo ricercato queste opinioni e i discorsi che hanno luogo e abbiamo deciso di mettere le dichiarazioni sulle opinioni e le sensibilità della popolazione autoctona in bocca a tre figure che, in una sorta di crescendo, hanno espresso le loro opinioni che vanno da considerazioni ragionevoli a polemiche apertamente xenofobe. Questi personaggi funzionavano come una sorta di contrasto con le storie e le immagini del volo. Infine, abbiamo messo tutte le parti sviluppate in una sequenza drammaturgica, durante la quale momenti sensibili ed empatici si sono alternati a discorsi provocatori.